pezzidiricambio24.it

3DS: Una Rapida Recensione Hands-On

La sera della vigilia di Natale il mio scetticismo risparmistico è cozzato violentemente contro il Nintendo 3DS “Nero Cosmos” di mio cugino.

Fino ai due secondi precedenti all’accensione della suddetta console, infatti, ero assolutamente pessimista nei confronti di questo nuovo sistema hand-held, che sembrava essere un DS con gli angoli smussati e una simpatica modalità strabuzza-occhi integrata. La sensazione che si ha, invece, è quella di avere tra le mani una vera e propria Wii portatile.

Come vedrete, non mi focalizzerò particolarmente sulla funzionalità 3D, perché, sebbene sia la più sponsorizzata, è a mio avviso un aspetto secondario rispetto a tutte le altre novità.

Passiamo ora a qualche considerazione più specifica.

Design e hardware: L’aspetto che ha il “nuovo” 3DS ricorda molto da vicino un incrocio tra un DS lite e un DSi, con due fotocamere sul lato esterno della console, uno slot di caricamento per le schede sul lato posteriore, uno slot per schede SD sul lato sinistro e una fotocamera puntata verso l’interno. Mentre lo schermo inferiore mantiene l’aspetto che aveva nel DS, lo schermo superiore è stato allargato in modo da avere un rapporto più vicino ai 16:9 cui ci siamo tanto affezionati negli ultimi anni. Alla destra dello schermo superiore, la levetta per regolare l’effetto 3D, che fondamentalmente è una regolazione di distanza di visione. I pulsanti mantengono la classica sistemazione, con la croce direzionale a sinistra e i pulsanti A, B, X e Y a destra. Una piacevolissima aggiunta è il pad analogico a sinistra, sopra la croce direzionale. I pulsanti Start, Select e il nuovo pulsante Home sono situati sotto allo schermo inferiore, scelta felice quanto a comodità d’accesso, ma relativamente scomoda nel caso in cui essi debbano essere premuti simultaneamente ad altri tasti, come nel caso dei giochi Virtual Console. Completano il corredo hardware un sensore giroscopico e un accelerometro multidirezionale, che vengono sfruttati dalle applicazioni 3DS per vari scopi, insieme all’antenna Wireless, che supporta tutti i tipi di cifratura e che può essere utilizzata sia in modalita Ad Hoc (StreetPass) che in modalità Hotspot (SpotPass).

Interfaccia: Nintendo si è data da fare! L’interfaccia infatti, rispetto al Nintendo DS è notevolmente migliorata sia quanto ad accessibilità che a generale senso estetico. Molti software infatti hanno una UI simile, cosa che dà all’esperienza di utilizzo un aspetto unificante molto piacevole. A ogni software, inoltre, è stato allegato un manuale d’uso, con istruzioni piuttosto dettagliate sul suo utilizzo. Questo è particolarmente interessante per i software Virtual Console, di cui tramite il manuale si possono apprendere anche le funzioni che altrimenti risulterebbero oscure (chi se lo ricordava che nei vecchi Legend of Zelda si salvava premendo simultaneamente tutti i tasti?).

Software: Preinstallati nella console ci sono una varietà di software e di minigiochi che permettono di farsi già un’idea dell’esperienza di gioco senza dover comprare più costose cartucce. Tra i software integrati la fotocamera, un registratore audio, i software Mii (con cui interagire con Wii e altri 3DS), i giochi di realtà aumentata (su cui mi soffermerò dopo), il Nintendo Shop, da cui acquistare software per 3DS, DSi o vecchie console, il Diario, che permette di tener traccia delle proprie attività, e la Modalità Download, molto simile a quella già presente su DS. La funzionalità Home, inoltre, permette di cambiare software senza dover riavviare la console, anche se per il multitasking dobbiamo ancora aspettare. In linea con i prodotti Apple, il 3DS incoraggia l’utilizzo della Modalità Riposo (Sleep Mode) rispetto allo spegnimento: questo permette infatti un più efficiente risparmio energetico, oltre che il download di software in background e lo scambio, sempre durante lo standby, di dati con altri 3DS in raggio di StreetPass. Un LED multicolore posto sul lato destro della console notifica eventi StreetPass (verde), SpotPass (blu), o batteria scarica (rosso) anche durante la modalità di riposo.

Nintendo eShop: L’e-shop integrato con il 3DS è un revamp del già noto Wii Shop e DSi Shop. Tramite questo software si possono acquistare piccole utility per la console, giochi brevi, giochi Virtual Console (di cui parlerò nella prossima sezione) e leggere e inviare recensioni e valutazioni sui software dello shop e sotto forma di cartuccia da acquistare separatamente, per farsi un’idea di ciò che si sta andando a comprare. La gestione del denaro è fatta tramite “ricariche” da carta di credito del taglio di 10, 20 o 30 € o tramite eShop card acquistabili in negozio.

Retrogaming: Il Nintendo 3DS consente di scaricare e giocare giochi per GameBoy, GameBoy COLOR e GameBoy Advance in modalità Virtual Console in modo simile a quello che la Wii permette di fare con i giochi NES, SNES e N64. L’emulazione delle vecchie console è perfetta, tanto che si può addirittura utilizzare il pad analogico, anche se chiaramente non viene sfruttato al massimo delle sue potenzialità. Per i giocatori meno audaci, inoltre, viene data la possibilità di creare dei punti di ripristino simili a salvataggi. Questo risulta molto utile nei casi in cui si giochino titoli che presentano salvataggi a checkpoint o salvataggi che obbligano a interrompere il gioco dopo il salvataggio. Una bella comodità! Il 3DS, inoltre, mantiene la retrocompatibilità con i giochi del DS, che possono essere inseriti nello slot per cartucce.

Realtà Aumentata: All’interno della confezione del 3DS sono fornite sei carte di realtà aumentata, e si specula che possano uscirne altre. Queste carte, quando vengono inquadrate dalle fotocamere frontali durante la modalità RA, permettono di accedere a diversi minigiochi che deformano l’ambiente in cui le posizionate.

Conclusioni: Forse non ha la stessa portata rivoluzionaria del buon vecchio Nintendo DS, ma il 3DS è sicuramente una console molto valida, dalle ottime potenzialità, divertente e con anche la possibilità di fare del retrogaming, cosa assolutamente lodevole e da parte mia apprezzata. Le varie funzionalità di comunicazione la rendono un’ottima “social console”, in linea con la Wii.

Voto: 8.5/10

The Sign Painter