SONDAGGIO: E se Esistesse un Nuovo Steve Jobs?

Un cordiale saluto a tutti gli affezionati lettori di “Branzilla.org”. Come sapete la biografia del grande Steve Jobs scritta da Walter Isaacson è già un Best-seller ed ogni appassionato Apple che si rispetti non può non leggerlo.

Lo sto “mangiando con pane e marmellata” perché fa riflettere su molti concetti, in particolare mi ha colpito la sua opinione circa il sistema scolastico. Dopo il primo anno di College si rese conto che stava studiando tutte discipline o antiquate o inutili per il suo futuro professionale. Paul e Clara Jobs, i genitori adottivi, si “spaccavano la schiena” per mantenergli gli studi e per questo Steve decise di abbandonare gli studi, diventando negli anni il più grande uomo della Silicon Valley.

Il quesito che pongo a voi lettori quest’oggi in base alle mie considerazioni personali sulla vita di Jobs è:

Se in Italia ci fosse un “nuovo Steve Jobs”… sarebbe incoraggiato a proseguire nelle sue passioni ed attitudini facendolo diventare qualcuno oppure sarebbe bloccato e criticato pesantamente poiché “non acculturato” o per l’appunto “visionario” ?

Commentate questo articolo e fatelo girare sul web!

Sara Canducci

Sara Canducci, nata a Cesena il 24 Marzo 1994 è impiegata presso la CS Software Developing, ormai nota azienda a 360 gradi nel campo della comunicazione digitale. Anche se intestata al padre per ovvie questioni anagrafiche, è gestita interamente da lei e a partire dall'anno 2011 si è specializzata nello sviluppo di applicazioni telefoniche in compatibilità con dispositivi mobili Apple (iPhone, iPod Touch, iPad) ed Android (phones, tablets).E' proprio il caso di dire… l'età non conta! Sara mise le mani sul suo primo computer nel 1997 a soli 3 anni d'età: erano i tempi dello storico Commodore Amiga. Crescendo maturò diversi hobby e passioni, che poi le tornarono utili in ambito lavorativo. Ne sono un esempio, grafica pubblicitaria, fotografia e ripresa/montaggio video. Segnò la sua vita il capodanno del 2007, quando conobbe quello che sarebbe divenuto il suo grande amore: C#, noto e potente linguaggio Microsoft .NET con Visual Studio 2008 come IDE di sviluppo.Questo le diede la possibilità di far divenire realtà uno dei suoi tanti sogni nel cassetto, ovvero realizzare una collana di software e plug-in in grado di sostituire completamente o in parte i maggiori programmi di editing fotografico del settore.Qualche anno più tardi quella che lei stessa ama definire "rivoluzione Apple", diede un ulteriore slancio alla sua carriera professionale con l'apertura dell'App Store per iPhone, iPod ed iPad: le nuove innovative creazioni dei "pionieri di Silicon Valley".Attualmente il mobile devices development rappresenta la risorsa principale dell'azienda che porta le iniziali di Sara: la CS (canducci sara) Software Developing.